Il Giornale dei Misteri 553 Gennaio-Febbraio 2021

ISBN (vers. cartacea): 978-88-98905-81-2

ISBN (vers. digitale): 978-88-98905-82-9

SCARICA IL SOMMARIO

Il Giornale dei Misteri 553 Gennaio-Febbraio 2021

€ 5,90 ( versione cartacea )
€ 3,49 ( versione digitale )

Nelle migliori librerie e nei seguenti store:

ezpressibshoepligiardinolibrimacrolibrarsiaseqamazon

Le nostre pubblicazioni sono disponibili in digitale anche qui

In questo numero

  • Un mese fa un incosciente, andando in giro per un viottolo nel nostro quartiere, ha travolto la mia cagnolina uccidendola sul colpo. La sua morte non mi può servire per un’evoluzione spirituale, perché ho provato perfino odio, desiderio di vendicarmi, verso quel ragazzo.
  • Ebbene, l’amore degli uomini per gli animali è un amore sublime, poiché gli animali sono spesso indifesi, soprattutto quelli che vivono tra gli uomini sono spesso costretti a vivere vite di dolore che loro forse al momento non possono comprendere, ma che poi via via nel passare degli anni e attraverso le varie vicende possono capire. Amare un piccolo animale di vero amore ed essere ricambiati, non tutti lo sanno fare. (…) Quindi ricordala e pensala con amore, senza rimpianto e senza dolore, perché tu sai che tanto quanto vale per l’uomo trapassato il dolore dei parenti viventi, tanto vale anche per un piccolo animale.

“Don Giuseppe, inviato speciale” a cura di Elio Pastore

 

  • Innumerevoli sono le leggende (o le storie vere), magari “abbellite” di macabri particolari, nelle quali si narra di fatiscenti osterie e di lugubre locande poste, per lo più, in luoghi di confine o paesi di montagna, dove gli osti, più che tali, sono una specie di orchi. Oltre ai fatti, storicamente veri, che narreremo, ricordiamo come in una località non molto lontana da Pietramala, il locale passo appenninico fosse stato chiamato Malpasso proprio per i fatti di sangue che lì sarebbero avvenuti a spese dei viandanti…

Campi energetici della Terra e fenomeni psi” di Michele Dinicastro e Alfredo De Giovanni

  • In un’epoca remota, nei templi dell’Oriente misterioso, a Ninive, per esempio, in Mesopotamia, la terra posta tra i due fiumi, il Tigri e l’Eufrate, i salmi erano parte di un rituale terapeutico dove gli iniziati pregavano per i sofferenti. Preghiere ermetiche al cui centro il salmo era la fonte sacrale di questa pratica legata alla Medicina aurea. La loro funzione operativa è attestata in numerosi testi di matrice esoterica e non, come gli scritti dell’abate Julio, per citarne uno. è interessante notare a riguardo che alcuni versetti legati ai salmi venivano utilizzati per creare sigilli protettivi con valore talismanico e adoperati persino nell’ambito della Cabala angelica attraverso trattazioni pratiche riservate.

Il valore dei Salmi” di Stefano Mayorca

  • Il Ganoderma lucidum o Reishi (in giapponese “fungo divino”) è usato da oltre duemila anni con successo nella medicina tradizionale cinese e la sua fama è tale che viene considerato in Cina, Giappone, Corea e paesi limitrofi come il fungo dell’immortalità. Nel nome cinese si cela la sua essenza: infatti si traduce con il termine Ling zhi, che significa “pianta dello spirito”, ed i suoi attributi di “fungo della potenza spirituale” e “fungo dell’immortalità” sono diventati patrimonio comune della cultura del continente asiatico da innumerevoli generazioni. Di sapore amaro e dura consistenza, il Reishi non appartiene – come invece lo Shiitake – al genere dei funghi selvatici commestibili. Il Reishi è stato denominato il “re delle erbe medicinali” contendendo il primato al celebre e diffusissimo ginseng, e si può considerare uno dei più antichi medicinali del mondo. È un fungo dalle innumerevoli virtù terapeutiche che cresce sulla corteccia di vecchi alberi di prugne in Giappone e sulla costa cinese in zone umide su vecchie querce, castagni e altri alberi a foglie larghe…

Il fungo dell’immortalità” di Lorenzo Bruno

  • Dopo poco tempo, mentre me ne stavo seduto in poltrona a smaltire il cocktail, ecco che sopravvenne un grande trambusto e… Diego Armando Maradona fece il suo ingresso nel privé, seguito da uno stuolo di amici. Si sedette vicinissimo a me ed il buttafuori gli disse che ero uno che non stava bene e che se lo desiderava mi avrebbe subito allontanato, al che il Pibe disse che potevo benissimo rimanere lì…

Il mio incontro col Pibe de oro” di Maurizio Monzali

 

Gli amici de I Libri del Casato